Assicurazione ingegneri

Assicurazione professionale ingegneri: polizze RC a confronto

Richiedi una consulenza gratuita e senza impegno e trova la polizza più adatta alla tua attività.

1 Inserisci pochi semplici dati
2 Ottieni una consulenza mirata, gratis e senza impegno
3 Scegli la polizza e tutela la tua attività

Assicurazione professionale Ingegneri

Sito Web dell'Anno

La normativa vigente prevede, per tutti gli ingegneri regolarmente iscritti all'Ordine degli Ingegneri, l’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione che includa la copertura di Responsabilità Civile professionale.

Grazie a questa copertura, il professionista potrà contare su di un’importante protezione assicurativa contro le richieste di risarcimento danni che potrebbero arrivare da terzi a causa di errori, negligenze ed omissioni che il professionista potrebbe aver compiuto nel corso della sua attività lavorativa.

La polizza RC professionale per ingegneri è anche una garanzia per i clienti del professionista che, sottoscrivendo l’assicurazione, garantirà il suo rispetto delle norme e la sua deontologia professionale.

Quest’assicurazione obbligatoria rappresenta un costo aggiuntivo per un ingegnerie che esercita la sua attività professionale. Tale polizza è attivabile anche online o tramite consulenza telefonica. 

Se sei un ingegnere e vuoi ottenere una consulenza personalizzata, gratuita e senza impegno per aiutarti a sceglieinre la polizza più adatta alle tue esigenze professionali, compila il modulo presente in questa pagina

Per queste polizze esistono caratteristiche ben precise andando a garantire una copertura assicurativa completa al professionista iscritto all’Ordine.

Chi non sottoscrivere un'assicurazione come questa  può incorrere in sanzioni anche molto severe e, inoltre, tutte le polizze RC per ingegneri presentano delle limitazioni alle garanzie che dipendono dalle condizioni contrattuali e che, quindi, vanno valutate caso per caso.

 

Cosa copre l'assicurazione professionale per ingegneri?

La copertura assicurativa obbligatoria garantita dalla polizza RC professionale ingegneri copre il singolo ingegnerie libero professionista e, in caso di uno Studio Associato estende la sua copertura assicurativa ai collaboratori ed i soci solo per le attività professionali eseguite per conto dello studio.

Qualsiasi tipo di attività professionale svolta al di fuori dello studio per cui è stata attività la polizza non sarà coperta dall’assicurazione professionale.

È stata prevista un’esenzione dall’obbligo di sottoscrivere una copertura assicurativa RC per tutti gli ingegneri non iscritti all’Ordine e per gli ingegneri che, anche se iscritti all’Ordine, non esercitano concretamente la professione.

Tra gli esentati, ad esempio, troviamo gli ingegneri assunti dalla pubblica amministrazione, che esercitano la professione solo per il proprio Ente, e i dipendenti di aziende private che non firmano i progetti.

 

Le coperture garantite

Come per tutte le altre polizze assicurative professionali, anche questa garantisce un’importante tutela nello svolgimento dell’attività lavorativa del professionista. 

In caso di errori, negligenze e omissioni, infatti, l'ingegnere potrebbe essere raggiunto da una richiesta di risarcimento avanzata da terzi (clienti, enti pubblici o privati danneggiati dall’operato o dal mancato intervento con colpa del professionista).

Grazie alla copertura per ingegneri, il professionista potrà contare su di una tutela assicurativa legata alle richieste di risarcimento evitando così di subire un danno patrimoniale che, considerando la particolare attività eseguita dall'ingegnere, potrebbe risultare di importo molto elevato anche per i professionisti più facoltosi.

Oltre ad essere obbligatoria, quindi, la polizza per quest'ordine professionale risulta estremamente utile in quanto garantisce una tutela fondamentale per il professionista.

Senza una polizza di questo tipo, infatti, l’ingegnere rischierebbe di dover fare i conti con richieste di risarcimento elevatissime che potrebbero causare danni notevoli alle sue risorse finanziarie.

Per i professionisti che lavorano nel settore dell’edilizia, tra le principali cause che possono far scattare una richiesta di risarcimento troviamo errori particolarmente comuni come l’esecuzione di calcoli errati in un determinato progetto, omissioni o negligenze nella direzione dei lavori o nel rispetto delle norme di sicurezza sul lavoro.

La mancata osservanza delle norme di sicurezza sul lavoro, ad esempio, potrebbe essere la causa di un incidente registrato durante l’attività lavorativa in cantiere.

Nel caso in cui tale incidente comporti un danno fisico ad un lavoratore, l’ingegnere che non ha provveduto all’introduzione delle dovute norme di sicurezza potrebbe essere colpito da una richiesta di risarcimento danni e solo la presenza di una valida copertura assicurativa potrebbe essere in grado di gestire.

La copertura di queste assicuraizoni può essere molto ampia, garantendo una protezione concreta contro le richieste di risarcimento legate a diverse tipologie di danno subito.

Resta, in ogni caso, molto importante verificare con attenzione quali sono i danni coperti dall’assicurazione RC che si sta andando a sottoscrivere per tutelarsi nello svolgimento della propria attività.

 

Il periodo di retroattività e Claims Made per le assicurazioni ingegneri

L'assicurazione per ingegneri include anche un periodo di retroattività garantendo, quindi, una tutela assicurativa per il contraente della polizza che va a coprire anche un periodo di tempo antecedente alla sottoscrizione dell’assicurazione.

Il periodo di retroattività è fissato dalle condizioni contrattuali e varia a seconda della compagnia assicurativa e delle esigenze del professionista che, per massimizzare la tutela assicurazione della polizza, può richiedere il prolungamento del periodo di retroattività.

In molti casi  le compagnie assicurative propongono una retroattività illimitata andando, quindi, a coprire tutta la carriera passata del professionista.

L’assicurazione professionale ingegneri si caratterizza per la clausola “Claims Made” che, in italiano, può essere tradotta come “a richiesta fatta”.

In sostanza, grazie a questa clausola, la copertura assicurativa sarà legata alle garanzie attivate al momento della presentazione della richiesta di risarcimento e non al momento in cui è avvenuto effettivamente l’illecito che ha provocato il danno da cui è scaturita la richiesta di risarcimento.

 

Limiti ed esclusioni

La polizza RC ingegneri presenta alcuni limiti ben precisi. Un primo aspetto da considerare per quanto riguarda i limiti alla copertura assicurativa garantiti dalla polizza è rappresentato dal periodo di retroattività.

Come evidenziato in precedenza, il periodo di retroattività permette alla polizza di coprire le richieste di risarcimento avanzate al contraente per eventi che si sono svolti prima della stipula del contratto.

Se l’evento alla base del risarcimento si è registrato in un periodo di tempo non coperto dalla retroattività, la polizza non sarà valida. Allo stesso modo, la copertura assicurativa decade per tutte le richieste di risarcimento che riguardano illeciti già a conoscenza del professionista al momento della stipula del contratto.

Non sono coperti gli errori commessi da assicurati che non sono iscritti all’Ordine degli Ingegneri così come non copre tentativi di frode o atti dolosi commessi volontariamente dall’assicurato.

A seconda del tipo della compagnia assicurativa con cui si va ad attivare la polizza RC, possono essere presenti diverse altre esclusioni. Ad esempio, solitamente non vengono coperti errori legati alla realizzazione di opere “ad alto rischio” e contratti nei quali il professionista è appaltatore edile.

Per un quadro dettagliato sulle esclusioni delle polizze per ingegneri è molto importante controllare tutte le condizioni contrattuali proposte.

Solo in questo modo, infatti, si avrà un’idea precisa dei casi in cui la polizza attivata non sarà valida.

 

Massimale, franchigia e le polizze modulabili per ingegneri 

A limitare la copertura assicurativa garantita da una polizza RC professionale troviamo i tradizionali elementi contrattuali che delimitano il raggio d’azione delle polizze assicurative.

In primo luogo, va analizzato il massimale della polizza. Si tratta dell’importo massimo che un’assicurazione andrà ad erogare come risarcimento.

Considerando la particolare natura dell’attività dell’ingegnere, un massimale molto basso può rendere la polizza RC decisamente poco vantaggiosa. Allo stesso modo però un massimale troppo alto andrà a far crescere, in modo notevole, il premio della polizza.

Tra le limitazioni dell’assicurazione professionale ingegneri troviamo anche la franchigia, un valore che rappresenta l’importo minimo del risarcimento erogato dalla compagnia.

Nel caso la richiesta di risarcimento risulti inferiore alla franchigia, sarà compito del professionista provvedere all’erogazione della cifra da risarcire senza alcun contributo da parte della compagnia. È possibile imbattersi anche in una clausola di scoperto, un valore percentuale del risarcimento da erogare che non verrà coperto dalla compagnia ma che dovrà essere corrisposto dal professionista stesso.

E’ importante sottolineare che le polizze RC professionali sono modulabili. Il professionista può andare a personalizzare le esclusioni e le limitazioni della polizza (massimale e franchigia in particolare) scegliendo tra le varie opzioni messe a disposizione dalla compagnia assicurativa.

A seconda delle caratteristiche scelte, il premio della polizza assumerà un valore ben preciso così come andrà a cambiare l’effettiva copertura assicurativa garantita dalla polizza stessa.

 

Sanzioni

Sottoscrivere un’assicurazione professionale ingegneri è un obbligo per tutti i professionisti regolarmente iscritti all’Ordine degli Ingegneri. Chi non attiva questa polizza e non fornisce al suo cliente tutte le informazioni relative all’assicurazione va a commettere un illecito disciplinare deontologico.

A valutare il caso sarà l’Ordine degli Ingegneri che potrà procedere con un richiamo ufficiale e con una sanzione pecuniaria. Tutti gli illeciti dovranno essere valutati con attenzione dall’Ordine che fisserà delle sanzioni correlate alla gravità dell’illecito stesso. Nei casi più gravi, quindi, si potrà arrivare anche alla radiazione dall’Albo per il professionista non in regola con gli obblighi assicurativi legati alla sua attività di ingegnere.

Ultime notizie Assicurazioni

RC auto, la proposta del M5S su Rousseau
Possibili novità normative in arrivo per il settore RC Auto in Italia. Il Movimento 5 Stelle, la principale forza politica attualmente al Governo, sta valutando una serie di modifiche al sistema delle assicurazioni auto e moto nel nostro Paese che potrebbero andare a modificare, radicalmente, il settore. Per ora, in attesa dell'arrivo in Parlamento, sul tavolo c'è una proposta di modifica al settore RC Auto sulla piattaforma Rousseau della deputata 5 Stelle Maria Soave Alemanno. Ecco i dettagli.
Aumenti pensioni 2020: tutto quello che c'è da sapere
Una nuova riforma delle pensioni in arrivo nel 2020, frutto della decisione del nuovo Governo Pd M5s: i sindacati chiedono un nuovo meccanismo di calcolo per aumentarne gli importi, il Welfare tornerà ad assumere un ruolo centrale, ci sarà un focus sui giovani con basso reddito per l’introduzione di una pensione di garanzia, la cosiddetta opzione donna e molto altro ancora: ecco di seguito quali saranno i cambiamenti cardine della riforma sulle pensioni.
Bollo auto non pagato, c'è il condono fino a 1000 euro per debiti precedenti al 2010
Indignazione tra gli utenti online alla notizia che nel Decreto fiscale è contenuta una sanatoria fiscale, fino all’importo di 1000 €, per chi non ha pagato il bollo auto tra il 2000 e 2010. Cosa sta succedendo? Chi non pagherà le cartelle esattoriali? E quali sono le sanzioni di norma applicate a chi non paga la tassa automobilistica?

Sos Tariffe S.r.l. - P.Iva 07049740967 - Corso Buenos Aires 54, 20124 Milano - È vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica. © 2008 - 2019
Il servizio di intermediazione assicurativa è offerto da Sos Broker srl con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS
ed iscritto al RUI con numero B000450117, P. iva 08261440963. PEC
Il servizio di mediazione creditizia per mutui e prestiti è gestito da FairOne S.p.A., iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215, P. IVA 06936210969 TrasparenzaInformativa
Informativa precontrattuale SosBroker - Le informative precontrattuali delle Compagnie assicurative con le quali collaboriamo sono reperibili al seguente link.